S E R G I O . O L L I V I E R

Questo blog ha la funzione di supporto per la pubblicazione dei post del mio sito principale: > > ESCURSIONI NEI DINTORNI DI TRIESTE < <
IN TRAVERSATA SUI COLLI SETTENTRIONALI DELL'ALTA
VALLE DEL TIMAVO - da TRIPČANE a ILIRSKA BISTRICA
seconda tappa: DOMENICA 15 APRILE 2018

L'itinerario: Trpčane (425 m), rifugio e monte Kozlec (997 m), Ahac-colle Sant’Acazio (799 m), Črne Njie (685 m), cascata Sušec (476 m), Ilirska Bistrica-Villa del Nevoso (407 m).

IL PROGRAMMA DELLA GITA, indicazioni e orari:
Ritrovo dei partecipanti alla gita in piazza Oberdan;
Ore XXX Trieste. Partenza con la corriera. Entrati in Slovenia attraverso l’ex valico di Lipizza, dopo Divaccia si segue la strada che, passando per Matavun, percorre la valle del fiume Reka-Timavo, fino a pervenire a Trpčane (km. XX da Trieste). Sosta per il caffè nel bar-ristorante Kocanija. Preparazione per l’inizio dell’escursione a piedi.
Ore XX Trpčane (punto 1). A fianco del bar parte la carrareccia che useremo per accostarci alla bastionata dei colli, la cui risalita costituirà la prima parte della gita. Procediamo in piano su una buona strada bianca, attraversando i prati della valle del Timavo, che qui è parecchio larga. Man mano si delinea meglio l’alta bastionata boscosa che dovremo risalire. Seguendo una mulattiera con segnavia bianco-rosso iniziamo a salire. La pendenza è discreta ma costante; a un bivio fra due sterrati prendiamo a destra e proseguiamo su una antica stradina che mira a una evidente sella. Raggiuntala, presto incontriamo un altro importante bivio con indicazione. Da qui passa la strada bianca che s’inolta verso l’altipiano dello Snezlik o, percorrendola in senso inverso, ci porterebbe in modo pianeggiante a collegarci con la strada che da Ilirska Bistrica sale a Sviscasci, da dove parte uno dei sentieri più diretti alla cima del monte Nevoso (1780 m). Noi invece, rassicurati dalla segnalazione prendiamo il sentiero bollato che sale nel bosco fino a raggiungere il punto più alto del crinale, il monte Kozlec. Subito sotto alla cima troviamo una graziosa baita che è il nostro rifugio Kozlec. All’esterno una serie di panche e tavoli rende molto piacevole la sosta-ristoro all’aperto. Il rifugio, aperto solo alla domenica, solitamente non fa da mangiare. La sociovole famiglia che lo gestisce, ci prochererà per noi un ottimo minestrone (jota) che verrà a costare € X a persona. Chi vorrà usufruirne dovra prenotarlo in sede entro il venerdì 13 marzo. Il panorama che si gode dalla bastionata del rifugio spazia dall’alto sulla larga valle sottostante del fiume Reka-Timavo.
Ore XXX rifugio e monte Kozlec (punto 2). Riprendiamo il cammino seguendo la traccia segnalata che dapprima scende ad una sella prativa e poi sale al colle successivo, denominato Srenje vhr (923 m). Il sentiero segnalato continua nel bosco, sempre molto vicino al crinale che incombe sulla valle. Discenden do il modesto colle, tralasciamo il bivio egnal<to per Vrbica e giungiamo a una carrareccia. Da qui di diparte una scorciatoia cxhe ci porta sulla strada bianca che avevamo incontrato in precedenza. La seguiamo, un un ambiente appa<rtato ma ameno e con essa sfociamo sulla strada asfaltata Ilirska Bistrica-Sviscasci. Il collegamento tra questo punto e il rifugio Kozlec comporterebbe un modo di colloegamento molto più facile e meno faticoso.La nostra prossima meta e il bar Crne Nijvie e lo si potrebbe raggiungere camminando per XXX km. lungo la strada asfaltata. Noi invece, fedeli allo spirito escursionistico, prendiamo una mulattier<a segnalata, adoperata anche dalle montain-bike, e xon essa scendiamo un po’ e con largo giro raggiungiamo la sella oltre la< quale si eleva l’errto versante dell’ultimo colle, il monte Hacac-Sant’Acazio. Il sentiero s’innalza ripido e raggiunge la cima. A noi conviene invece prendere la forrestare in più lieve salita e passato uno shalet, ci innalziamo fino a raggiungere la strada principale.
Da qui, chi vuole saliore al colle, prende una carrareccia cge focia in quella che userà per la discesa, e con un’ultimo sforzo si raggiunge la sommità del colle, sede di antichi castelliere e di una chiesetta non più esistente: sulla cima c’è un tabernacolo e il libro delle firme.
Ore XXX Monte Ahac-Sant’Acazio (punto 3). Discendiamo con la detta carrareccia (una deviazione porterebbe a Jasen) e finalmente sfociamo sulla detta strada asfaltata.<


 Ix




IL PROGRAMMA (versione Ollivier) della prima tappa della TRAVERSATA IN CINQUE TAPPE DELLA VALLE DEL FIUME TIMAVO - DALLE SUE SORGENTI ALLE GROTTE DI SAN CANZIANO

prima tappa: DOMENICA 25 MARZO 2018
TRAVERSATA NELL’ALTA VALLE DEL TIMAVO, DOVE NASCE LA “GRANDE ACQUA”

Il programma prevede: 1) Sosta caffè e breve visita a Ilirska Bistrica vecchia - 2) Escursione nel territorio intorno a Zabiče, seguendo gli iniziali affluenti che formano il Timavo - 3) Salita da Gornja Bitnja, passando dal castello Radelseck, fino a Ratečevo Brdo (3 km.), cenetta conviviale nell'agriturismo Janezinovi e ritorno a valle (2 km.).


Presentazione: per una miglior conoscenza dei suoi luoghi, i paesi e le bellezze naturali, il Cai XXX Ottobre organizzerà un ciclo di cinque gite con le quali s’intende percorrere a piedi tutta la valle del fiume Timavo-Reka, dalla zona degli iniziali affluenti fino alla sua scorparsa nelle Škocjanske jame (grotte di San Canziano). 
Questa è la prima:

IL PROGRAMMA DELLA GITA, indicazioni e orari:
Ritrovo dei partecipanti alla gita in piazza Oberdan; attenzione all’ora legale !
Ore 8.00 Trieste. Partenza con la corriera. Entrati in Slovenia attraverso l’ex valico di Lipizza, dopo Divaccia si segue la strada che, passando per Matavun, percorre la valle del fiume Reka-Timavo, fino a pervenire a Ilirska Bistrica (km. 52 da Trieste).
Prima parte della gita: sosta per il caffè nel bar Tomex, posto nella parte vecchia della cittadina. Breve camminata nel centro storico, edificato in riva al torrente Bistrica, il più importante affluente del Timavo, per osservare i suoi più caratteristici edifici, in specialmodo l’ex-mulino Hodnikov (b) e la stupenda cascata Sušec (c).
Ore 10.15 Ilirska Bistrica-Bisterza-villa del Nevoso (punto a). Ripartenza con la corriera. Si prosegue lungo l’alta valle del fiume Timavo e passati un paio di lindi paesini, perveniamo a Zabiče (km.10 da Ilirska Bistrica), l’ultimo abitato situato proprio in fondo dell’ampia vallata. Nel piccolo ma ben tenuto paese si trova la chiesetta dedicata a Sveti Marija. La corriera posteggerà presso lo slargo del locale campo sportivo. Preparazione dei gitanti per dare inizio all’escursione.
Seconda parte della gita: Ore 11.00 Zabiče (punto 1). Partenza a piedi. Si percorre un breve tratto della strada principale e, giunti a un bivio (punto 2), prendiamo a sinistra una buona strada forestale. La ben tenuta strada bianca risale con quasi inavvertibile pendenza una valle laterale, tenendosi poco discosta dal torrente Kolaški Patok che poi, confluendo con il più noto torrente Reka, contribuirà a formare, assieme a molti altri ruscelli secondari, il corso iniziale del nostro Timavo. Lo sterrato fa un doppio tornante e poco dopo arriva a una sella spartiacque. Dalla sella, si nota l’inizio di un sentiero che sale alla sommità (Veliki vhr-669 m) della boscosa dorsale che separa i due torrenti e di altre due sconnesse carrarecce che scendono seguendo il greto di ruscelli minori. Noi continuiamo invece lungo il comodo sterrato e percorrendo un tratto quasi orrizontale, arriviamo alla sua improvvisa conclusione. Siamo vicinissimi al confine con la Croazia e senz’altro non è consigliabile il proseguire. Torniamo allora di poco indietro (10 minuti) e individuato un bivio (punto 3) seguiamo una scorciatoria (in verità poco segnalata) che scende lungo il versante boscoso. E’ il naturale raccordo con il fondovalle e con l’altra importante carrareccia che si tiene proprio al fianco dal torrente denominato Reka, che è considerato il più importante corso d’acqua iniziale del Timavo. Il confine sloveno-croato è molto vicino ma essendo la sua principale sorgente (punto d) posta in territorio croato non è il caso d’arrischiare la pur meritevole e non lunga sortita (1 e ½ ora, and-rit.).  Iniziamo allora, a seguire la carrareccia nella sua spettacolare discesa a valle, che avverrà in dolce pendenza, essendo totalmente immersi in un rilassante ambiente boscoso. Il percorso, che si tiene sempre a margine del greto del torrente, è, infatti, molto suggestivo, specie quando l’acqua è copiosa; si notano anche numerosi afflussi di altri ruscelli minori. Simpatico l’incontro di una passerella di legno con la quale si può avventurosamente scavalcare le turbinose acque e utile la presenza di alcuni rustici tavoli e panche che consentono un ameno momento di riposo. L’unica costruzione esistente è costituita da una baracca posta in bella radura che resta sempre aperta; purtroppo l’interno, pur se parzialmente attrezzato, al momento è del tutto devastato. Siamo ormai molto vicini all’iniziale strada asfaltata e ora può capitare di incontrare dei ciclisti amanti di un’intatta natura e perfino (per fortuna raramente) qualche automobile. Poco dopo la confluenza dei nostri due torrenti, ancora allietati dalla vista delle adiacenti acque che formano angoli d’incantevole paesaggio, arriviamo sulla strada principale (punto 4). Questa strada è trafficata solo da quei turisti che intendono entrare in Croazia, avendo come meta Rjeka-Fiume o la costa dalmata. Il relativo valico sloveno-croato (a 11 km.) è situato fra i paesi di Jelsane e Rupa.
Ore 15.30 Zabiče. Ritornati alla nostra corriera, iniziamo il viaggio di ritorno ripercorrendo la valle del fiume Reka-Timavo, allo scopo di raggiungere Dolnja Bitnja, un villaggio posto all’altezza del più importante paese di Prem-Primano (km.17 da Zabiče).
Terza parte della gita: Ore 16.00 Dolnja Bitnja (punto 5). Partenza a piedi. Percorriamo una stradina asfaltata che risale il versante destro e ci porta in uno spiazzo dove, preceduto da un laghetto artificiale, troviamo l’antico castello denominato Radelseck (punto 6). La grande costruzione, recuperata nell’aspetto da buoni restauri, risale al 17° secolo; la sua storia è piena di ripetuti passaggi di proprietà e anche ora è adibita a residenza privata. Continuamo con uno sterrato che s’innalza con costante pendenza e, oltrepassata la linea ferroviaria (che collega Pivca a Rijeka), passiamo in mezzo a vasti campi, godendo della vista sul versante opposto della valle che è aperta verso Prem-Primano e il suo storico castello, che visiteremo durante la terza tappa. Arriviamo così al piccolo paesino di Ratečevo Brdo, posto in una località molto appartata. La prima casa che incontriamo è il frequentato agriturismo con alloggio Janezinovi, molto conosciuto e frequentato, in specialmodo dai triestini. L’edificio è di recente costruzione e possiede ampie sale interne e un portico ideale per desinare all’aperto nella bella stagione. Tutt’intorno c’è un’amena area verde, con qualche gioco per il divertimento dei bambini. Cordialissima è l’accoglienza dei due attivi, socievoli proprietari; apprezzata la loro cucina.
Ore 17.00 Ratečevo Brdo - agriturismo Janezinovi (punto 7). Sosta di 1 ora nell’agriturismo per festeggiare l’imminente conclusione della prima tappa (di un ciclo di cinque) della traversata a piedi nella valle del Timavo superiore. Possibilità di usufruire (vedi sotto), in convenzione facoltativa da prenotare in sede entro venerdì 23 marzo, di un primo piatto di tradizione locale.
Ore 18.00. Partenza a piedi dall’agriturismo Janezinovi. Scendiamo con la strada asfaltata che costituisce l’abituale modo d’accedere con le automobili all’agriturismo. La strada, che scende con regolare pendenza, oltrepassa la linea ferroviaria e sfocia nella località Dolnja Bitnja, che è sovrastata dall’imponente castello di Prem, dove ci attenderà la nostra corriera.
Ore 18.30 Dolnja Bitnja (punto 8). Partenza con la corriera. Si ripercorre la valle del Timavo superiore, rientrando in Italia attraverso l’ex-valico di Lipizza-Basovizza.
Ore 19.30 Trieste. Arrivo in piazza Oberdan (km. 44 da Dolnja Bitnja). Fine della gita.

Il programma della gita sarà strettamente osservato, salvo cause di forza maggiore.
La mappa, che è in scala adattata 1: 31.000, è tratta dalla carta slovena “Snežnik”.
I capigita: Roberto Vernavà (cell.3382598652) e Sergio Ollivier (cell. 3493413641)

Caratteristiche dell’itinerario: si svolge quasi interamente su buone carrarecce, con brevi tratti di strada asfaltata. Ore 6 e ½ di cammino – km. 17 circa. Dislivello in salita e in discesa 360 metri.

Convenzione facoltativa: ore 17.00 - all’agriturismo Janezinovi di Ratačevo Brdo – un primo piatto, da prenotarsi in segreteria entro venerdì 23 marzo, composto di un tris di assaggini (gnocchi con gulasch, tagliatelle con funghi e pasticcio radicchio Treviso) al prezzo concordato di € 7 (sette).

Iscrizioni: le iscrizioni alla gita si fanno presso la segreteria del Cai XXX Ottobre di via Battisti 22 (tel. 040635500), aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 17.30 alle ore 19.30. La quota di partecipazione è pari a € 18. I non soci Cai dovranno versare un supplemento di € 9 per l’assicurazione soccorso alpino.



La mappa è tratta dalla carta slovena Snežnik di scala originaria 1:50.000

IN ESCURSIONE FRA I COLLI E LA STORIA DI SENOSECCHIA

La gita è stata proposta al  Cai Trenta Ottobre  e da  questo inserito nel calendario-gite dell'anno 2018
DOMENICA 7 OTTOBRE 2018

seconda gita: SENOSECCHIA E I PAESI E COLLI DEL SUO CIRCONDARIO               


Itinerario: Senožece-Senosecchia (560 m), Potoče (563 m), Dolenja vas-Villabassa (539 m), Laže (682 m), Senosecchia

SCHEDA:  Senosecchia-Senožece           Dolenja vas-Villabassa di Senosecchhia
Previsioni del tempo

LA DOCUMENTAZIONE SARA ' INSERITA IN PROSSIMITA' DELLA GITA


La mappa della zona


.

Quinta tappa della TRAVERSATA DELLA VALLE DEL FIUME TIMAVO - da Vresmki Britof alle grotte di San Canziano

La gita è stata proposta al  Cai Trenta Ottobre  e da  questo inserito nel calendario-gite dell'anno 2018
quinta tappa: DOMENICA ? ANNO 2019
IL TIMAVO A SAN CANZIANO - Mattino: LA VALLE DEI MULINI – Pomeriggio: LA VISITA ALLE GROTTE oppure ITINERARIO DELLE GROTTE SLOVENE

Itinerario - mattino: Vremski Britof (402 m), Famlje (380 m), Skolj-castello Noviscoglio, Škocjan (424 m), Betanja (338 m), Matavun (395 m),
Pomeriggio: visita alle due grotte oppure Matavun (395 m), Divača (435 m), Abisso dei serpenti, Divaška Jama, Vilenica, Lokev (449 m).


LA DOCUMENTAZIONE VERRA' INSERITA IN PROSSIMITA' DELLA GITA

Le cinque tappe:     la prima tappa         la seconda tappa        la terza tappa         la quarta tappa        la quinta tappa



Mappa della gita

Quarta tappa della TRAVERSATA DELLA VALLE DEL FIUME TIMAVO - da Ribnica a Vremski Britof

La gita è stata proposta al  Cai Trenta Ottobre  e da  questo inserito nel calendario-gite dell'anno 2018
quarta tappa: DOMENICA 18 NOVEMBRE 2018
MEDIA VALLE DEL TIMAVO: VERSO LE GROTTE DI SAN CANZIANO

Itinerario: Ribnica-loc.Ambrožič (378 m) Suhorje (517 m), Buje (450 m), Gornje Vreme (370 m), Vremski Britof (402 m).

SITI INTERNET:  fattoria Žagar


LA DOCUMENTAZIONE VERRA' INSERITA IN PROSSIMITA' DELLA GITA

Le cinque tappe:     la prima tappa         la seconda tappa        la terza tappa         la quarta tappa        la quinta tappa



Mappa della zona

Seconda tappa: VALLE DEL FIUME TIMAVO - TRAVERSATA IN CINQUE TAPPE DALLE SUE SORGENTI ALLE GROTTE DI SAN CANZIANO

La gita è stata proposta al  Cai Trenta Ottobre  e da  questo inserito nel calendario-gite dell'anno 2018
IN TRAVERSATA SUI COLLI SETTENTRIONALI DELL'ALTA VALLE DEL TIMAVO
da TRIPČANE a ILIRSKA BISTRICA
seconda tappa: DOMENICA 15 APRILE 2018

L'itinerario: Trpčane (425 m), rifugio e monte Kozlec (997 m), Ahac-colle Sant’Acazio (799 m), Črne Njie (685 m), cascata Sušec (476 m), Ilirska Bistrica-Villa del Nevoso (407 m).


i due capigita: 
Roberto Vernavà & Sergio Ollivier 

SITI INTERESSANTI:    con Hribi net

SCHEDE:  monte e rifugio Kozlek            Črne Njie        Ilirska Bistrica-Villa del Nevoso

LA DOCUMENTAZIONE VERRA' INSERITA IN PROSSIMITA' DELLA GITA

Le cinque tappe:     la prima tappa         la seconda tappa        la terza tappa         la quarta tappa        la quinta tappa



Mappa della zona



Terza tappa della TRAVERSATA NELLA VALLE DEL TIMAVO - da ILIRSKA BISTRICA a RIBNICA

La gita è stata proposta al  Cai Trenta Ottobre  e da  questo inserito nel calendario-gite dell'anno 2018
Terza tappa:  DOMENICA 4 NOVEMBRE 2018
 SUI VERSANTI MERIDIONALI DELLA ALTA VALLE DEL TIMAVO
IN TRAVERSATA DA ILIRSKA BISTRICA A RIBNICA 

L'itinerario: Ilirska Bistrica-Villa del Nevoso (407 m), Zarečje  (436 m), mulino Novak (392 m), Prem-castello di Primano (486 m), Ribnica-loc.Ambrožič  (378 m).

SCHEDE:   Ilirska Bistrica-Villa del Nevoso          Prem-Primano
Fattoria e mulino Novak

LA DOCUMENTAZIONE VERRA' INSERITA IN PROSSIMITA' DELLA GITA

Le cinque tappe:     la prima tappa         la seconda tappa        la terza tappa         la quarta tappa        la quinta tappa





LE DUE MAPPE DALLE QUALI SI RICAVERA' IL COLLAGE DEFINITIVO



D



IN ESCURSIONE FRA I COLLI E LA STORIA DI SENOSECCHIA

La gita è stata proposta al  Cai Trenta Ottobre  e da  questo inserito nel calendario-gite dell'anno 2018
 prima gita: DOMENICA 8 APRILE 2018
SENOSECCHIA E IL MONTE AUREMIANO

1) Visita di Senosecchia          condotta dal capogita Paolo Cuzzi
2) L'itinerario a piedi: Senožeče-Senosecchia (582 m), Stari Grad (678 m-facoltativo), monte Slatna (914 m. facoltativo), rifugio dell'Auremiano (837 m), Vremščica-monte Auremiano (1027 m), Gabrče-Gaberce (578 m), Senosecchia.                                Capogita: Roberto Vernavà


SCHEDA:  Senožeče-Senosecchia

gostilna Stari Grad           con Geaco.si
Previsioni del tempo

sono già stato quì il  22 aprile 2010       maggio 2016                        ci andremo il  8 aprile 2018 









DUE FOTO DELLA CONFERENZA PER LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI PAOLO CUZZI - L'ISOLA TRA I MONTI
              

La mappa della zona interessata dalla gita












Prima tappa della TRAVERSATA IN 5 TAPPE DELLA VALLE DEL FIUME TIMAVO - DALLE SUE SORGENTI ALLE GROTTE DI SAN CANZIANO

La gita è stata proposta al  Cai Trenta Ottobre  e da  questo inserito nel calendario-gite dell'anno 2018
prima tappa: DOMENICA 25 MARZO 2018
NELL’ALTA VALLE DEL TIMAVO, DOVE NASCE LA “GRANDE ACQUA”

Il programma prevede: 1) Sosta caffè e breve visita a Ilirska Bistrica vecchia - 2) Escursione nel territorio intorno a Zabiče (442 m), seguendo gli iniziali affluenti che formano il Timavo - 3) Salita da Gornja Bitnja, passando dal castello Radelseck, fino a Ratečevo Brdo (3 km.), cenetta conviviale nell'agriturismo Janezinovi e ritorno a valle (2 km.).

 
I due capigita: 
Sergio Ollivier & Roberto Vernavà
IL PROGRAMMA DELLA GITA - idem con le foto   redatta dal Cai XXX Ottobre  
IL PROGRAMMA DELLA GITA  nella versione elaborata da Sergio Ollivier      

 SCHEDE:      Ilirska Bistrica-Villa del Nevoso         la valle del fiume  Timavo (in elaborazione)
agriturismo   Janezinovi 
         
castello Radelseck             castello Gotnik 1   2   3 Zabiče 
un gruppo facebook

                      
Un articolo del giornale "Il Piccolo", 1.a punt. - 2.a punt.
Il percorso con Google Maps 

Le cinque tappe:     la prima tappa         la seconda tappa        la terza tappa         la quarta tappa        la quinta tappa


La mappa è tratta dalla carta slovena Snežnik di scala originaria 1:50000



Il percorso della terza parte della gita: salita a Ratečevo Brdo (in rosso) passando per il castello Radelseck, cenetta all'agriturismo e discesa a valle (in verde)